martedì 11 aprile 2017

Albo d'oro F1: 1984

Una delle stagioni più memorabili della Formula 1 fu senz'altro il 1984. Il distacco finale tra i due alfieri del team Mclaren-TAG Porsche Lauda-Prost, soltanto mezzo punto, è il minore mai registrato nella storia di questo sport. Il duello finale sul circuito dell'Estoril rimase a lungo nel cuore dei tifosi, con l'incredibile rimonta del pilota austriaco dal 13° al 2° posto (propiziata anche da un guasto alla Lotus di Nigel Mansell) che gli garantì di mantenere il vantaggio accumulato in classifica ai danni del compagno di squadra francese e di portare a casa il suo terzo e ultimo titolo in carriera.

Il dominio dei due piloti più calcolatori della F1 fu totale, con 12 vittorie su 16 gare in calendario; soltanto Michele Alboreto su Ferrari, Keke Rosberg e il Campione del Mondo in carica Nelson Piquet furono in grado di conquistare il gradino più alto del podio. Nonostante questo alle spalle del duo di testa si piazzò l'italiano Elio de Angelis, più costante dei suoi rivali a dispetto di una Lotus meno competitiva.

Il 1984 fu anche l'anno della nascita del mito Ayrton Senna, messosi in luce in più occasioni con una Toleman-Hart mediocre. Il 'gioiello' della stagione del pilota brasiliano fu il Gran Premio di Monaco, dove arrivò a contendere la vittoria ad Alain Prost, salvato solo dall'esposizione della bandiera rossa che interruppe definitivamente la gara per le avverse condizioni atmosferiche. Quel giorno sul podio salì anche il giovane Stefan Bellof (Tyrrell), la cui prestazione fu però cancellata dalla squalifica del suo team.

Un giovanissimo Senna al volante della Toleman-Hart in Germania

La squalifica della Tyrrell

Martin Brundle
La Tyrrell Racing venne esclusa dal Campionato per la combine scoperta durante il Gran Premio di Detroit: la scuderia inglese, per far rientrare le sue vetture nei limiti di peso stabiliti dal regolamento, utilizzò delle palline rivestite di piombo iniettate direttamente in un serbatoio ricolmo d'acqua (a quei tempi i rifornimenti di benzina non erano concessi, quindi si ripiegò su questa soluzione) collocato all'interno della monoposto. 
La Federazione utilizzò la linea dura nei confronti della scuderia inglese, escludendola dal Mondiale Costruttori e dagli ultimi tre Gran Premi dell'anno. Tutti i risultati fino a quel momento ottenuti furono annullati. Per questo motivo Stefan Bellof e Martin Brundle (piloti ingaggiati dalla Tyrrell nel 1984) finirono in fondo alla classifica con zero punti.


Campionato Piloti:


Terzo e ultimo titolo per Niki Lauda
1 - Niki Lauda (Mclaren): 72 Punti
2 - Alain Prost (Mclaren): 71,5 Punti
3 - Elio de Angelis (Lotus): 34 Punti
4 - Michele Alboreto (Ferrari): 30,5 Punti
5 - Nelson Piquet (Brabham): 29 Punti
6 - Renè Arnoux (Ferrari): 27 Punti
7 - Derek Warwick (Renault): 23 Punti
8 - Keke Rosberg (Williams): 20,5 Punti
9 - Ayrton Senna (Toleman): 13 Punti
10 - Nigel Mansell (Lotus): 13 Punti
11 - Patrick Tambay (Renault): 11 Punti
12 - Teo Fabi (Brabham): 9 Punti
13 - Riccardo Patrese (Alfa Romeo): 8 Punti
14 - Jacques Laffitte (Williams): 5 Punti
15 - Thierry Boutsen (Arrows): 5 Punti
16 - Eddie Cheever (Alfa Romeo): 3 Punti
17 - Stefan Johansson (Tyrrell/Toleman): 3 Punti
18 - Andrea De Cesaris (Ligier): 3 Punti
19 - Piercarlo Ghinzani (Osella): 2 Punti
20 - Marc Surer (Arrows): 1 Punto
21 - Jo Gartner (Osella): 0 Punti
22 - Gerhard Berger (ATS): 0 Punti
23 - François Hesnault (Ligier): 0 Punti
24 - Corrado Fabi (Brabham): 0 Punti
25 - Mauro Baldi (Spirit): 0 Punti
26 - Manfred Winkelhock (ATS/Brabham): 0 Punti
27 - Jonathan Palmer (RAM): 0 Punti
28 - Huub Rothengatter (Spirit): 0 Punti
29 - Johnny Cecotto (Toleman): 0 Punti
30 - Philippe Alliot (RAM): 0 Punti
NC - Mike Thackwell (RAM/Tyrrell): 0 Punti
NC - Mauro Baldi (Spirit): 0 Punti
NC - Pierluigi Martini (Toleman): 0 Punti
NC - Philippe Streiff (Ligier/Tyrrell): 0 Punti
NC - Stefan Bellof (Tyrrell): 0 Punti
NC - Martin Brundle (Tyrrell): 0 Punti

Campionato Costruttori:


Il team Mclaren conquista il suo secondo titolo costruttori
1 - Mclaren: 143,5 Punti
2 - Ferrari: 57,5 Punti
3 - Lotus: 47 Punti
4 - Brabham: 38 Punti
5 - Renault: 34 Punti
6 - Williams: 25,5 Punti
7 - Toleman: 16 Punti
8 - Alfa Romeo: 11 Punti
9 - Ligier: 3 Punti
10 - Arrows-Ford: 3 Punti
11 - Arrows-BMW: 3 Punti
12 - Osella: 2 Punti
13 - ATS: 0 Punti
14 - Spirit-Hart: 0 Punti
15 - RAM: 0 Punti
16 - Spirit-Ford: 0 Punti
SQ - Tyrrell: 0 Punti