martedì 21 marzo 2017

Circuiti F1: Silverstone

Storia


José Froilan Gonzalez, vincitore del GP di Gran Bretagna 1951
Il Circuito di Silverstone è un autodromo automobilistico britannico situato ai confini dei villaggi di Silverstone e Whittlebury (Northamptonshire), in prossimità della contea di Buckinghamshire. Costruito inizialmente come aeroporto militare, venne trasformato in circuito sfruttando le linee perimetrali delle tre piste di decollo, divenendo uno dei tracciati più veloci degli anni '50.
Il 13 maggio 1950 ospitò il primo Gran Premio della storia del Campionato Mondiale di Formula 1 (evento sottolineato dalla presenza di Re Giorgio VI e della Regina Elisabetta), vinto dall'italiano Nino Farina (futuro Campione del Mondo) su Alfa Romeo davanti al connazionale Luigi Fagioli e all'idolo di casa Reg Parnell. Grazie al successo ottenuto nella prima edizione, venne confermato nel Calendario di F1 per altri quattro anni. Nel 1951 Jose Froilan Gonzalez segnò la prima affermazione della Scuderia Ferrari nell'albo della massima formula automobilistica, aprendo la strada verso una lunga serie di successi per la squadra del Cavallino Rampante. Nello stesso anno, il circuito passò sotto il controllo della BRDC (British Racing Drivers' Club) abbandonando l'impronta del RAC (Royal Automobile Club).
Dal 1956 al 1986 il circuito di Silverstone fu alternato ai tracciati di Aintree e Brands Hatch, ottenendo nel 1987 il simbolico titolo di sede del Gran Premio di Gran Bretagna.
Solo nel 2009 venne ventilata l'ipotesi di una nuova alternanza con il circuito di Donington Park (utilizzato dalla F1 in occasione del Gran Premio d'Europa 1993). A seguito delle difficoltà degli organizzatori di Donington il 7 dicembre 2009 viene firmato un accordo tra Bernie Ecclestone e la BRDC per mantenere per 17 anni la gara sul circuito di Silverstone.

Schumacher vince l'edizione '98 tagliando il traguardo ai box
Molte furono le edizioni rimaste nella memoria degli appassionati di Formula 1: 28 anni dopo il primo successo della Ferrari, un'altra scuderia storica, la Williams, si aggiudicò la sua prima vittoria grazie allo svizzero Clay Regazzoni. Celebre anche il Gran Premio del 1998, vinto da Michael Schumacher nonostante avesse scontato uno stop&go proprio nel corso dell'ultimo giro: fu lo stratega Ross Brawn ad azzardare questa strategia, considerando che la linea del traguardo si trovasse prima del box della Scuderia Ferrari. Il pilota tedesco, prossimo all'arrivo, rientrò improvvisamente nella pitlane, beffando il suo eterno rivale Mika Hakkinen e conquistando 10 punti contro i 6 del finlandese.


Descrizione Circuito



Pianta del circuito originale
Ricavato dalle linee perimetrali di tre piste di atterraggio, si segnalò per la sua elevata velocità di percorrenza dovuta alla presenza di rettilinei molto lunghi e di curve ad ampio raggio. Nel 1952 la linea di partenza fu spostata da Farm Straight al rettilineo che collegava le curve Woodcote e Copse.
Per cercare di diminuire la velocità media, nel 1975 venne ridotto il rettilineo Farm Straight per trasformare la curva Woodcote in una chicane. Questo layout rimase immutato per 12 anni, fino al nuovo restauro del 1987: la chicane Woodcote venne riconvertita in una curva, lasciando spazio alla nuova curva Bridge.
La pista però continuò ad avere punte di velocità altissime, costringendo il comitato organizzatore ad un radicale intervento nel tentativo di donare una conformazione più lenta e tecnica. Tra il 1990 e i 1991 Vennero modificate le storiche curve StoweClub e Woodcote, mentre la curva Becketts venne trasformata in una chicane. La parte finale del circuito fu stravolta, con l'inserimento delle curve PrioryBrooklands e Luffield. Con queste modifiche la pista passò ad una lunghezza totale di 5226 m.

Circuito attuale
Nel 1997 le curve Priory e Luffield furono modificate per migliorarne la velocità, mentre la pit lane fu allungata in uscita per garantire maggiore sicurezza ai piloti.  Le modifiche finali risalgono al 2010, quando il circuito venne allungato di altri 760 metri (raggiungendo l'attuale lunghezza di 5891 m) con l'aggiunta della curva Arena al posto dei tornanti Bridge e Priory e con la nuova pitlane inserita tra le curve Club e Abbey.



Albo d'oro:


Alberto Ascari, vincitore delle edizioni 1952 e 1953
1950 – Nino Farina (Alfa Romeo)
1951 – Jose Froilan Gonzalez (Ferrari)
1952 – Alberto Ascari (Ferrari)
1953 – Alberto Ascari (Ferrari)
1954 – Jose Froilan Gonzalez (Ferrari)
1956 – Juan Manuel Fangio (Ferrari)
1958 – Peter Collins (Ferrari)
1960 – Jack Brabham (Cooper)
1963 – Jim Clark (Lotus)
1965 – Jim Clark (Lotus)
1967 – Jim Clark (Lotus)
1969 – Jackie Stewart (Matra)
1971 – Jackie Stewart (Tyrrell)
1973 – Peter Revson (Mclaren)
1975 – Emerson Fittipaldi (Mclaren)
1977 – James Hunt (Mclaren)
1979 – Clay Regazzoni (Williams)
Mansell da un passaggio a Senna nel GP 1991
1981 – John Watson (Mclaren)
1983 – Alain Prost (Renault)
1985 – Alain Prost (Mclaren)
1987 – Nigel Mansell (Williams)
1988 – Ayrton Senna (Mclaren)
1989 – Alain Prost (Mclaren)
1990 – Alain Prost (Ferrari)
1991 – Nigel Mansell (Williams)
1992 – Nigel Mansell (Williams)
1993 – Alain Prost (Williams)
1994 – Damon Hill (Williams)
1995 – Johnny Herbert (Benetton)
1996 – Jacques Villeneuve (Williams)
1997 – Jacques Villeneuve (Williams)
1998 – Michael Schumacher (Ferrari)
1999 – David Coulthard (Mclaren)
2000 – David Coulthard (Mclaren)
Montoya vince l'edizione 2005
2001 – Mika Hakkinen (Mclaren)
2002 – Michael Schumacher (Ferrari)
2003 – Rubens Barrichello (Ferrari)
2004 – Michael Schumacher (Ferrari)
2005 – Juan Pablo Montoya (Mclaren)
2006 – Fernando Alonso (Renault)
2007 – Kimi Raikkonen (Ferrari)
2008 – Lewis Hamilton (Mclaren)
2009 – Sebastian Vettel (Red Bull)
2010 – Mark Webber (Red Bull)
2011 – Fernando Alonso (Ferrari)
2012 – Mark Webber (Red Bull)
2013 – Nico Rosberg (Mercedes)
2014 – Lewis Hamilton (Mercedes)
2015 – Lewis Hamilton (Mercedes)
2016 – Lewis Hamilton (Mercedes)