martedì 21 marzo 2017

Circuiti F1: Hockenheimring

Storia


L'Hockenheimring è un circuito automobilistico situato nell'omonima cittadina di Hockenheim, nel nord del Land Baden-Württemberg (Germania). Fu costruito nel 1932 al di sopra della valle del Reno, sostituendo il Circuito del Wildpark nel ruolo di pista di prova per la Mercedes-Benz e la Auto Union a partire dal 1936. Il tracciato originale misurava più di dodici chilometri.
Nel 1965, a causa dell'apertura dell'Autostrada A6 (Mannheim-Walldorf), l'Hockenheimring venne riammodernato con la creazione del 'Motodrom', di una bretella parallela al rettilineo dei box (Querspange). La morte di Jim Clark durante una gara di F2 del 7 aprile 1968 portò a delle nuove modifiche e all'ingresso di due chicane veloci che interrompevano i lunghi tratti rettilinei che portavano dalla Nordkurve alla Ostkurve. Un piccolo monumento fu collocato in memoria del compianto Campione scozzese all'altezza della prima chicane.
Nonostante il decesso del pilota simbolo della F1 degli anni '60, la pista di Hockenheim ospitò due anni più tardi il Gran Premio di Germania valevole per il Campionato Mondiale della massima formula automobilistica, sostituendo il circuito del Nurburgring (Nordschleife) per questioni di sicurezza. Dal 1977 (ad eccezione del 1985) fino al 2006 l'Hockenheimring si è confermato nel ruolo di circuito ospitante dell'evento di Formula 1 organizzato dalla Germania. Nel 2007 Bernie Ecclestone decise di ridurre il numero di gare europee presenti nel Calendario di F1: per questo motivo, a partire dall'anno successivo, l'Hockenheimring e il Nurburgring (GP-Strecke) iniziarono un'alternanza per ospitare il Gran Premio di Germania.


Descrizione Circuito


Pianta del circuito di Hockenheim utilizzato fino al 1991
Il disegno originale degli anni trenta prevedeva la partenza poco fuori del centro abitato all'altezza dell'attuale Südkurve (curva che immette sull'odierno rettilineo di partenza) per poi inoltrarsi nel bosco lungo strade preesistenti con un tracciato dalla forma triangolare lungo circa 12 km e percorso in senso antiorario. Nel 1938 ebbero luogo i primi lavori per la realizzazione di quello che sarebbe diventato un vero impianto permanente, con vasti lavori di disboscamento che portarono alla realizzazione della Ostkurve, dei tratti di raccordo alle strade preesistenti e del raddoppio di tutta la sede stradale, conferendo alla pista la sua caratteristica forma ovale e conservando il senso di percorrenza antiorario. La configurazione classica del circuito era velocissima, con lunghi tratti rettilinei o con leggere curvature, raccordate da un numero molto ridotto di curve più lente e lunga 7,8 km.
Dopo l'incidente mortale di Patrick Depailler nel 1980 durante una sessione di test privati della scuderia Alfa Romeo, nel 1982 venne introdotta una ulteriore chicane delimitata da pneumatici all'ingresso della veloce Ostkurve, il cui profilo sarebbe stato poi modificato nel 1992 sempre per motivi di sicurezza.

Pianta del circuito di Hockenheim nella versione attuale
La chicane Clark subì delle nuove modifiche nel 1989, venendo riprofilata per rallentare le vetture nei lunghi rettilinei dell'autodromo tedesco. Cinque anni più tardi arrivarono altri aggiornamenti, che rivoluzionarono nuovamente le chicane dedicate al Campione scozzese e ad Ayrton Senna.
Le polemiche scaturite dalla scarsa visibilità offerta agli spettatori nei punti in cui i piloti tradizionalmente effettuavano sorpassi portò la FIA ad imporre un radicale intervento di restyling del circuito nel 2002. Il progetto, realizzato dall'architetto Hermann Tilke, portò ad un notevole accorciamento della lunghezza totale della pista (che passò da 6.825 a 4.574 metri) e all'aggiunta di una nuova sezione più stretta e tortuosa nella prima parte del tracciato.
Tutti questi lavori portarono inoltre al disboscamento di una vasta porzione di foresta: così, per compensare a questo torto dal punto di vista ambientale, la FIA decise di demolire la parte abbandonata appartenente al vecchio circuito (compresa la chicane Senna) per favorire l'opera di rimboschimento dell'area che circonda il nuovo tracciato.


Albo d'oro:


Partenza del GP di Germania 1970
1970 - Jochen Rindt (Lotus)
1977 - Niki Lauda (Ferrari)
1978 - Mario Andretti (Lotus)
1979 - Alan Jones (Williams)
1980 - Jacques Laffite (Ligier)
1981 - Nelson Piquet (Brabham)
1982 - Patrick Tambay (Ferrari)
1983 - René Arnoux (Ferrari)
1984 - Alain Prost (Mclaren)
1986 - Nelson Piquet (Williams)
1987 - Nelson Piquet (Williams)
1988 - Ayrton Senna (Mclaren)
1989 - Ayrton Senna (Mclaren)
1990 - Ayrton Senna (Mclaren)
1991 - Nigel Mansell (Williams)
1992 - Nigel Mansell (Williams)
G.Berger trionfa nell'edizione 1997
1993 - Alain Prost (Williams)
1994 - Gerhard Berger (Ferrari)
1995 - Michael Schumacher (Benetton)
1996 - Damon Hill (Williams)
1997 - Gerhard Berger (Benetton)
1998 - Mika Hakkinen (Mclaren)
1999 - Eddie Irvine (Ferrari)
2000 - Rubens Barrichello (Ferrari)
2001 - Ralf Schumacher (Williams)
2002 - Michael Schumacher (Ferrari)
2003 - Juan Pablo Montoya (Williams)
2004 - Michael Schumacher (Ferrari)
2005 - Fernando Alonso (Renault)
2006 - Michael Schumacher (Ferrari)
2008 - Lewis Hamilton (Mclaren)
2010 - Fernando Alonso (Ferrari)
2012 - Fernando Alonso (Ferrari)
2014 - Nico Rosberg (Mercedes)
2016 - Lewis Hamilton (Mercedes)