lunedì 1 maggio 2017

Albo d'oro F1: 2003

Il Campionato del Mondo 2003 vide un profondo rinnovamento regolamentare per la F1: tre furono i più grandi cambiamenti introdotti, riguardanti il sistema di punteggio (che ora premiava fino all'ottavo posto con la scala 10,8,6,5,4,3,2,1) e di assegnazione della pole (che veniva assegnato con la formula del giro secco così come avveniva in Superbike), con l'abolizione del Gran Premio d'Austria dopo la figuraccia della Scuderia Ferrari nel GP d'Austria dell'anno precedente.
Nonostante i cambiamenti la Rossa seppe confermarsi ancora una volta col suo pilota di punta Michael Schumacher, autore di una stagione in crescendo a dispetto conclusa per un soffio davanti a Kimi Raikkonen (Mclaren) e Juan Pablo Montoya (Williams). La gara decisiva andò in scena sulla pista di Suzuka, dove la seconda guida Ferrari Rubens Barrichello riuscì a contenere la rimonta del pilota finlandese mentre il Kaiser conquistò a fatica l'ottavo posto, ultima posizione utile a garantirgli l'iride in caso di vittoria del diretto avversario.

Il film del Gran Premio del Giappone 2003

Prima vittoria in Formula 1 per il fenomeno asturiano Fernando Alonso, promosso al ruolo di prima guida dopo una stagione da collaudatore in Renault, e per l'italiano Giancarlo Fisichella, primo in un Gran Premio del Brasile condizionato da un terribile acquazzone che causò molti incidenti e la sospensione anticipata della corsa. Inizialmente la TAG Heuer, storico sponsor Mclaren e cronometrista ufficiale ad Interlagos, posticipò di un giro la conclusione della gara consegnando la vittoria a Kimi Raikkonen in quanto quest'ultimo riuscì a superare la Jordan di Fisico appiedata dall'esplosione del motore. Due settimane dopo la squadra vinse il ricorso ottenendo la restituzione del trofeo in una nuova cerimonia di premiazione improvvisata nella successiva trasferta di Imola.
Insieme al sesto alloro di Michael Schumacher, record assoluto nella storia della Formula 1 (staccato Juan Manuel Fangio), la Scuderia Ferrari si confermò per il quinto anno consecutivo al vertice del Mondiale Costruttori davanti a Williams e Mclaren.


Campionato Piloti:

Sesto Titolo Piloti per Michael Schumacher
1 - Michael Schumacher (Ferrari): 93 Punti
2 - Kimi Raikkonen (Mclaren): 91 Punti
3 - Juan Pablo Montoya (Williams): 82 Punti
4 - Rubens Barrichello (Ferrari): 65 Punti
5 - Ralf Schumacher (Williams): 58 Punti
6 - Fernando Alonso (Renault): 55 Punti
7 - David Coulthard (Mclaren): 51 Punti
8 - Jarno Trulli (Renault): 33 Punti
9 - Jenson Button (BAR): 17 Punti
10 - Mark Webber (Jaguar): 17 Punti
11 - Heinz-Harald Frentzen (Sauber): 13 Punti
12 - Giancarlo Fisichella (Jordan): 12 Punti
13 - Cristiano da Matta (Toyota): 10 Punti
14 - Nick Heidfeld (Sauber): 6 Punti
15 - Olivier Panis (Toyota): 6 Punti
16 - Jacques Villeneuve (BAR): 6 Punti
17 - Marc Gené (Williams): 4 Punti
18 - Takuma Sato (BAR): 3 Punti
19 - Ralph Firman (Jordan): 1 Punto
20 - Justin Wilson (Minardi/Jaguar): 1 Punto
21 - Antonio Pizzonia (Jaguar): 0 Punti
22 - Jos Verstappen (Minardi): 0 Punti
23 - Nicolas Kiesa (Minardi): 0 Punti
24 - Zsolt Baumagartner (Jordan): 0 Punti


Campionato Costruttori:

Quinto titolo consecutivo per la Ferrari
1 - Ferrari: 158 Punti
2 - Williams: 144 Punti
3 - Mclaren: 142 Punti
4 - Renault: 88 Punti
5 - BAR: 26 Punti
6 - Sauber: 19 Punti
7 - Jaguar: 18 Punti
8 - Toyota: 16 Punti
9 - Jordan: 13 Punti
10 - Minardi: 0 Punti